banner
Bolsena

Le Aiole del Lago Di Bolsena


Sotto il lago di Bolsena (VT) sono stati scoperti da Alessandro Fioravanti a partire dal 1959 dei grossi cumuli di pietre che i pescatori chiamano "Aiole".

Hanno una forma a cono tronco, ellittica e se ne conoscono quattro:


- "Gran Carro" a 5,6 Km a sud di Bolsena, dimensioni mt 80 x 60 , altezza mt 4
- "Tempietto" a 1,1 Km a Nord-Ovest da Bolsena, dimensioni  mt 70 x 45 , altezza mt 2
- "Monte Senano" a 6,5 Km ad Ovest-Sud/Ovest da Bolsena
- "Fossetta" a 12,2 Km a Sud-Sud/Ovest da Bolsena

Una quinta Aiola potrebbe trovarsi in prossimità del colle di Bisenzio.

L’Aiola più grande, del Grancaro prende il nome  dal fatto che in passato c’èra abbondanza di granchi nelle acque della zona (comunemente viene anche usato il nome "Grancarro" )

In sua prossimità è stato scoperto, sempre sotto il livello del lago, un abitato Villanoviano ricco di ceramiche, reperti ed utensili, resti di pali in legno la cui analisi al radiocarbonio ha permesso di determinarne l’età: IX sec. a.C. (fine età del Ferro).

Tutti questi insediamenti erano anticamente fuori dall’acqua ma il progressivo aumento del livello del lago li ha successivamente sommersi.

Attualmente si trovano a pochi metri sotto il livello del lago.

Questa la nostra immersione:




Nel sito del Grancaro sono in corso profique ricerche di archeologia subacquea:

Bolsena Grancaro Rai 2 (31.08.2013) from Associazione Prisma


torna a Approfondimenti Torna a: Approfondimenti stampa Stampa condividi Condividi
Altri Articoli:
Chiesa Templare di Sancta Maria ad Templum
Il sito megalitico di Poggio Rota
Fenomeni Paranormali e Campi Elettromagnetici
La Metafonia
La Piramide Etrusca o Altare Piramidale di Bomarzo
Fenomeni celesti da conoscere
Lo spettro delle onde elettromagnetiche
Nozioni base per comprendere come si studiano ed indagano le voci psicofoniche





© 2008-2018 Associazione Sulle Tracce Del Mistero
sitemap - archivio notizie - links